RUNNING SCHOOL
                                  RUNNING SCHOOL

COSA ACCELERA E COSA FRENA UN RUNNER DURANTE LA CORSA?

 

La risposta la fornisce Roberto Rinelli, fisioterapista. Iniziamo a trascurare l'aria, va detto che la velocità orizzontale è data dagli impulsi che abbiamo generato precedentemente.
Vi sorprenderà che il piede che appoggia a terra, anche se si muove all'indietro rispetto al nostro corpo, si muove in avanti rispetto alla terra (teoria della relatività), così il piede tocca terra mentre viaggia relativamente in avanti, e di conseguenza si ha un impulso frenante.
La fase successiva il piede avanza (fase di recupero), quindi si muove più velocemente rispetto al terreno, per questo genera un impulso propulsivo(accelera).
Questa accelerazione è data dal recupero elastico dei tessuti, come il muscolo o il tendine, che vengono compressi precedentemente dalle forze verticali (es. peso corporeo) e di frenata (forza precedentemente discussa).
Quindi se il piede appoggia, troppo avanti rispetto al centro di massa (corpo), è dannoso perché ci rallenta. In quanto l'impulso frenante è maggiore. Questo è ben visibile in un atleta professionista (sprinter) che appoggia il piede a 6 cm di distanza rispetto al corpo.
L'amatore appoggia il piede a terra rispetto al centro di massa al doppio della distanza del professionista, circa 12 cm. Questo genera un impulso frenante maggiore e quindi, una ritmo di corsa più lento.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Stampa Stampa | Mappa del sito
RUNNING SCHOOL© L.go Cairoli angolo via Luca Beltrami 20121 Milano - organizzatore top run Partita IVA 08442450964

Chiama

E-mail